La specie rientra in un programma di conservazione europeo per le specie minacciate di estinzione coordinato dall’Associazione Europea Zoo e Acquari (EAZA), di cui il Bioparco è membro. L’European studbook (ESB) è un inventario che ha lo scopo di monitorare lo stato in cattività degli individui di una determinata specie e generalmente precede l’EEP, il programma europeo di riproduzione in cattività per le specie minacciate di estinzione. L’EEP si basa sull’interscambio di animali tra strutture zoologiche, secondo precisi standard genetici, finalizzato ad un eventuale loro reinserimento in natura.

 

La specie è protetta dalla Convenzioni di Washington – anche nota come CITES – che regolamenta il commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche. La CITES è un accordo tra oltre 160 governi che attraverso leggi internazionali e nazionali regolamenta, o addirittura vieta l’esportazione, l’importazione, la vendita e Ia detenzione di molte specie e loro derivati comi le pelli o l’avorio.

 

La Lista Rossa delle specie minacciate redatta dall’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (lUCN), riporta il grado di minaccia delle diverse specie animali e vegetali, determinato secondo criteri standardizzati. La IUCN è una delle più importanti istituzioni che si occupano di conservazione delle specie minacciate a cui aderiscono esperti di tutto il mondo.