Skip to content

Coati rosso

Classe:
MAMMALIA
Ordine:
CARNIVORA
Famiglia:
PROCYONIDAE
Nome scientifico:
Nasua nasua
Dove vive:
Coati rosso

Distribuzione e habitat:

Vive nelle regioni tropicali del Sud America, in ambienti di foresta.
Dimensioni
Ha un peso che varia tra i 3 e i 6 kg e una lunghezza tra i 40 e i 67 cm, coda esclusa.
Abitudini
Diurno, trascorre la giornata sul terreno scavando e rimescolando la lettiera alla ricerca di cibo; la notte si rifugia sugli alberi su cui si arrampica agilmente grazie ai robusti artigli. Le femmine e i giovani vivono in gruppi altamente organizzati, chiamati bande, composti da 10-30 individui. I maschi adulti, al contrario, conducono vita solitaria.
Riproduzione
Le femmine vanno in estro contemporaneamente e dopo una gestazione di circa due mesi e mezzo, si isolano dal gruppo per costruire un nido su un albero dove partoriscono fino a quattro cuccioli. Dopo circa sei settimane, quando i piccoli sono in grado di camminare e arrampicarsi, si ricongiungono nuovamente alla banda.
Dieta
Onnivoro, si nutre di frutta e di un’ampia varietà di invertebrati come larve di coleotteri, ragni, scorpioni e centopiedi sebbene non disdegni roditori, pesci, granchi e carogne.
Lo sapevi che?
Utilizza il lungo naso flessibile per ispezionare buchi e fessure alla ricerca di cibo, grazie ad un efficiente muscolatura e ad un olfatto molto sviluppato.
Grado di minaccia
Non è una specie minacciata anche se la caccia e la deforestazione possono rappresentare un pericolo per alcune popolazioni

LEGENDA

  1. CITES. La specie è protetta dalla Convenzione di Washington – anche nota come CITES – che regolamenta il commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche. La CITES è un accordo tra oltre 160 governi che attraverso leggi internazionali e nazionali regolamenta, o addirittura vieta l’esportazione, l’importazione, la vendita e Ia detenzione di molte specie e loro derivati comi le pelli o l’avorio.
  2. EEP/ESB. La specie rientra in un programma di conservazione europeo coordinato dall’Associazione Europea Zoo e Acquari (EAZA), di cui il Bioparco è membro. L’EEP (Eaza Ex Situ species Programme) prevede diverse azioni tra cui la riproduzione in cattività per eventuali rilasci in natura, la sensibilizzazione del pubblico e la ricerca scientifica. L’European studbook (ESB) è un inventario che ha lo scopo di monitorare lo stato in cattività degli individui di una determinata specie e generalmente precede l’EEP.
  3. RED LIST IUCN. La specie è inserita nella Lista Rossa delle Specie Minacciate di estinzione redatta dalla IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura). Si tratta del più completo inventario che codifica il grado di minaccia delle specie a livello globale basato su un sistema di categorie e criteri quantitativi e scientificamente rigorosi.