Classe: MAMMALIA
Ordine: CETARTIODACTYLA
Famiglia: GIRAFFIDAE
Nome Scientifico: Giraffa camelopardalis reticulata
DOVE VIVE
DISTRIBUZIONE E HABITAT
La giraffa (Giraffa camelopardalis) è diffusa in Africa, a sud del Sahara (zone in rosso e in verde nella carta). Popola le savane alberate con prevalenza di alberi di acacia. L’area in cui vive la sottospecie G. c. reticulata presente al Bioparco è indicata in verde nella mappa.
DIMENSIONI
È il più alto mammifero esistente e il suo collo è lungo ben tre metri. Può superare i cinque metri di altezza e i 1000 kg di peso. La sottospecie Giraffa camelopardalis reticulata deve il suo nome al particolare pattern reticolato del mantello: grandi macchie poligonali di colore rosso-marrone separate tra loro da una rete di linee bianco brillanti. Queste macchie talvolta possono essere di colore rosso intenso e ricoprire in qualche caso anche le zampe.
ABITUDINI
Animale sociale, vive in piccoli gruppi familiari, composti da femmine con i piccoli, mentre i maschi vivono in gruppi separati. Talvolta, più gruppi familiari si uniscono a formare dei branchi composti anche da 70 individui. Date le sue dimensioni e la potenza dei suoi calci, è una specie poco insidiata anche dai grandi predatori; solo il leone, con la sua sofisticata caccia di gruppo, è in grado di predare una giraffa adulta. Al contrario, i cuccioli sono molto vulnerabili e cadono spesso vittima del leone e della iena maculata.
RIPRODUZIONE
Si accoppia intorno ai cinque anni di età e dopo una gestazione di circa 15 mesi partorisce un piccolo alto già due metri, dal peso di circa 100 kg e in grado già di camminare.
DIETA
Erbivoro, si nutre soprattutto di foglie, semi, frutti e fiori, prediligendo l’acacia, un albero spinoso caratteristico delle savane africane. Mangia ben 30 kg di vegetali al giorno spendendo fino a 20 ore del tempo per alimentarsi! Grazie al suo lungo collo, può raggiungere agevolmente le foglie più alte degli alberi, fonti di alimentazione che, con l’esclusione degli elefanti, nessun altro animale è in grado di sfruttare.
LO SAPEVI CHE?
A differenza di quanto si crede, il suo lunghissimo collo è composto da solo sette vertebre, come nella maggior parte dei mammiferi, uomo incluso. Anche la sua caratteristica lingua blu è molto lunga, e può essere estesa per ben 40 cm: serve per afferrare le foglie delle piante di cui si nutre.
GRADO DI MINACCIA
E’ una specie minacciata a causa della riduzione e della frammentazione dell’habitat, e dal bracconaggio.