la ricerca: gli studi condotti dal bioparco

La ricerca condotta negli Zoo è uno dei principali obiettivi delle strutture zoologiche “moderne”.
Rappresenta una valida opportunità per studiare animali al di fuori del loro habitat naturale. Inoltre, permette di indagare aspetti della vita di animali elusivi e schivi che, per tali loro caratteristiche, diventa difficile, nonché impossibile, monitorare nel loro habitat naturale.

Inoltre, il Bioparco collabora nelle sue attività di ricerca con le università, con altre strutture zoologiche ed enti di ricerca nazionali e internazionali, il cui scopo è quello di approfondire diversi aspetti di una specie, sia veterinari sia eco-etologici, quali l’alimentazione, il comportamento, la salute o l’organizzazione sociale.

Attualmente gli studi al Bioparco si concentrano sull’arricchimento delle conoscenze scientifiche che già si possiedono.
L’obiettivo della ricerca è aumentare il benessere degli animali ospitati e acquisire nuove conoscenze che possano portare un valido contributo nell’ambito di progetti più ampi di conservazione delle popolazioni selvatiche, spesso minacciate di estinzione.

Infine, un esempio sono i tre progetti coordinati dal Bioparco finalizzati alla salvaguardia di altrettanti endemismi italiani: tritone sardo, ulone dal ventre giallo e lucertola delle Eolie.

Abilità manipolativa e coordinazione degli arti anteriori: uno studio nella lontra asiatica, Aonyx cinereus

pinguino del capo

Comportamento alimentare del pinguino del capo (Spheniscus demersus) nella colonia ospitata presso il Bioparco di Roma

Studio ecofisiologico ed evolutivo degli effetti del riscaldamento globale su diverse specie di anfibi

Progetto di ricerca per la conservazione in-situ del Tritone sardo (Euproctus platycephalus)

Progetto di ricerca per la conservazione in-situ dell’Ululone appenninico (Bombina pachypus)

Progetto di ricerca per la conservazione in-situ della Lucertola delle Eolie (Podarcis raffonei)