Portale Scienza  News
Al via Life Eolizard. Il progetto per la conservazione della lucertola delle Eolie: un aiuto cruciale ad una maestra di sopravvivenza

La Fondazione Bioparco di Roma è partner affiliato all’Università Roma Tre nella realizzazione del progetto Life ‘Eolizard’ per la conservazione della rarissima lucertola delle Eolie.


Finanziato dal programma LIFE dell’Unione Europea, il progetto, per i prossimi cinque anni, mira a tutelare la lucertola delle Eolie, uno tra i rettili a più alto rischio di estinzione del vecchio continente, mitigando i fattori che ne minacciano la sopravvivenza e implementando un ambizioso programma di reintroduzione all’interno dell’arcipelago eoliano

L’arcipelago delle Eolie non è solo una rinomata meta turistica e la sua ricchezza non risiede unicamente negli scorci e nelle attività che offre, ma il suo valore è rappresentato anche e soprattutto dalla biodiversità che ospita nel cuore dell’hotspot del Mar Mediterraneo. Proprio qui, infatti, si trova la lucertola delle Eolie (Podarcis raffonei), un piccolo sauro endemico dell’arcipelago, oggi in grave pericolo di estinzione. Dall’aspetto apparentemente poco appariscente, questo rettile conserva tuttavia una storia evolutiva caratterizzata da una forte resilienza e indole alla sopravvivenza in aree ostili dal punto di vista climatico, e con scarse di risorse trofiche, dove persiste con un limitato numero di individui. Ad oggi, la lucertola delle Eolie, un tempo verosimilmente distribuita su tutte le sette isole Eolie, sopravvive in tre isolotti di ridottissime dimensioni (Scoglio Faraglione, Strombolicchio e La Canna) e un piccolo promontorio sull’isola di Vulcano (Capo Grosso).

La lucertola delle Eolie negli ultimi decenni ha dovuto affrontare una sempre maggiore antropizzazione dell’habitat dovuta al crescente turismo che ha interessato l’intero arcipelago e che porta ad inevitabili sfide in termini di conservazione. I fattori principali che minacciano la sopravvivenza della specie sono rappresentati dalla perdita e dal degrado del suo habitat, l’abbandono dei pascoli e dall’arrivo della lucertola campestre (Podarcis siculus), specie probabilmente introdotta dall’uomo in epoca storica, che nel tempo ha causato una sua fortissima rarefazione in termini demografici e di areale e il suo confinamento nelle attuali località attraverso fenomeni di competizione e ibridazione. Una popolazione totale piccolissima e distribuita in un areale estremamente ridotto e frammentato ha portato l’IUCN (Unione Internazionale della Conservazione della Natura) ad inserire Podarcis raffonei nella più̀ alta categoria di rischio di estinzione: Critically Endangered, ovvero in pericolo critico di estinzione.

In risposta a queste criticità è stato elaborato il progetto LIFE22-NAT-IT-LIFE EOLIZARD (101114121), finanziato dal programma dell’Unione Europea per l’ambiente e l’azione per il clima “LIFE”, che punta a tutelare le popolazioni relitte di questa specie e a garantirne la sopravvivenza nel lungo termine, attraverso la creazione di un santuario dove saranno reintrodotte nuove popolazioni allevate in cattività.

Le fasi del progetto

Il progetto ha un partenariato scientifico variegato costituito da: l’Università degli Studi di Roma Tre (coordinatore), l’Associazione Triton ETS, l’Università degli Studi dell’Aquila, il Consiglio Nazionale delle Ricerche – CNR, la Fondazione Bioparco di Roma, il Comune di Malfa e una serie di partner associati italiani e internazionali tra cui, l’Università di Milano Statale, l’Associacao BIOPOLIS (Portogallo) e il laboratorio di Biometria e Biologia Evoluzionistica (LBBE) del CNRS (Francia). Durante i cinque anni di progetto i partner perseguiranno la tutela della lucertola delle Eolie e del suo habitat, seguendo due fronti d’azione:

  • l’incremento numerico della popolazione, attraverso un programma di allevamento in cattività (sfruttando il know-how della Fondazione Bioparco di Roma, che ha già̀ un progetto avviato sulla specie) a cui farà̀ seguito un rilascio in natura, fondando due nuove popolazioni sugli isolotti di Bottaro e Lisca Bianca (a largo dell’isola di Panarea), assicurando la totale assenza della lucertola campestre dai siti.
  • In parallelo, si procederà̀ alla tutela della località sull’isola di Vulcano in cui una popolazione della lucertola delle Eolie persiste sul promontorio di Capo Grosso. Questa popolazione è minacciata dalla presenza ad alta densità del ratto nero (competitore e potenziale predatore), come anche dall’alterazione dell’habitat. Nello specifico, si procederà̀ al controllo della popolazione di ratto nero grazie alla condivisione dell’esperienza maturata da un altro progetto LIFE (LIFE PonDerat) e al contenimento della vegetazione arbustiva sul promontorio, garantendo così un habitat idoneo alla sopravvivenza della lucertola eoliana.

LIFE EOLIZARD punta, inoltre, ad aumentare l’engagement della comunità eoliana come di tutti gli stakeholder potenzialmente coinvolti, affinché venga tutelato e valorizzato l’importante patrimonio naturalistico delle isole Eolie, aumentando la consapevolezza sulla necessità di preservare una ricca biodiversità.

Per approfondire:
Website: https://associazionetriton.it/life-eolizard-salvaguardia-lucertola-eolie

Social network:
– Facebook: LIFE Eolizard
– Instagram: life.eolizard

Foto credit: Podarcis raffonei su Isolotto di Strombolicchio – Leonardo Vignoli


Il 18 aprile 2024, dalle 10:00 alle 13:30, presso la Sala dei Lecci, Fondazione Bioparco di Roma, la presentazione del progetto. Leggi di più