Skip to content

Elefante Asiatico

elefante
Classe:
MAMMALIA
Ordine:
ARTIODACTYLA
Famiglia:
ELEPHANTIDAE
Nome scientifico:
Elephas maximus
Dove vive:
Elefante Asiatico

Distribuzione e habitat:

È una delle tre specie di elefanti esistenti e vive nelle foreste del continente asiatico.
Dimensioni
I maschi raggiungono le sei tonnellate di peso mentre le femmine, più piccole, non superano le quattro tonnellate e mezzo.
Abitudini
Animali altamente sociali, vivono in gruppi familiari (da 2 a 10 individui) composti di sole femmine imparentate e dai loro figli fino a quattordici anni di età circa, mentre i maschi formano piccoli gruppi separati. Il gruppo familiare è guidato dalla matriarca, la femmina più anziana. Più unità possono riunirsi in branchi e questi a loro volta in mandrie di parecchie centinaia di capi.
Riproduzione
La femmina in calore si isola dal branco mentre i maschi ingaggiano lotte violente, spingendosi reciprocamente e assestando pericolosi colpi di zanna per contendersi la femmina. Al termine della gestazione, dopo 22 mesi, le femmine, assistite da una o più compagne, partoriscono un piccolo di oltre 100 kg di peso. Il branco, disposto intorno alla madre, vigila contro eventuali incursioni di predatori. L'elefantino è presto in grado di seguire il gruppo durante gli spostamenti.
Dieta
Mangiano una grande varietà di vegetali come radici, parti di fusti, rami, germogli, frutti e foglie. Il fusto succulento di alcuni alberi può essere sfruttato così intensamente che l'albero finisce col cadere al suolo. La scarsa efficienza del suo sistema digerente, che assimila solo metà delle sostanze ingerite, impone a questi animali di consumare enormi quantità di cibo: da 70 a 150 kg al giorno.
Lo sapevi che?
Gli elefanti non sudano perché non hanno le ghiandole sudoripare, caratteristiche della maggior parte dei mammiferi. Per evitare il surriscaldamento si bagnano con l’acqua o persino con la propria saliva, se ne stanno a mollo in una pozza oppure cercano riparo all’ombra. Anche i movimenti delle orecchie (legati alle condizioni meteorologiche) e il gonfiarsi dei numerosi vasi sanguigni che ne irrorano la parte posteriore, facilitano la termoregolazione: le grandi orecchie sono in pratica dei veri e propri radiatori!
Grado di minaccia
La popolazione attuale conta circa 40.000 individui rispetto alle centinaia di migliaia di inizio '900, i principali fattori di minaccia sono costituiti dalla riduzione e frammentazione dell'habitat e dal bracconaggio per l'avorio dei suoi denti.

LEGENDA

  1. CITES. La specie è protetta dalla Convenzione di Washington – anche nota come CITES – che regolamenta il commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche. La CITES è un accordo tra oltre 160 governi che attraverso leggi internazionali e nazionali regolamenta, o addirittura vieta l’esportazione, l’importazione, la vendita e Ia detenzione di molte specie e loro derivati comi le pelli o l’avorio.
  2. EEP/ESB. La specie rientra in un programma di conservazione europeo coordinato dall’Associazione Europea Zoo e Acquari (EAZA), di cui il Bioparco è membro. L’EEP (Eaza Ex Situ species Programme) prevede diverse azioni tra cui la riproduzione in cattività per eventuali rilasci in natura, la sensibilizzazione del pubblico e la ricerca scientifica. L’European studbook (ESB) è un inventario che ha lo scopo di monitorare lo stato in cattività degli individui di una determinata specie e generalmente precede l’EEP.
  3. RED LIST IUCN. La specie è inserita nella Lista Rossa delle Specie Minacciate di estinzione redatta dalla IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura). Si tratta del più completo inventario che codifica il grado di minaccia delle specie a livello globale basato su un sistema di categorie e criteri quantitativi e scientificamente rigorosi.