Skip to content

Lemure macaco

conservazione dei lemuri
Classe:
MAMMALIA
Ordine:
PRIMATES
Famiglia:
LEMURIDAE
Nome scientifico:
Eulemur macaco macaco
Dove vive:
Lemure macaco

Distribuzione e habitat:

Localizzato in alcune aree del Madagascar nord occidentale, frequenta prevalentemente le foreste pluviali fino a 1600 m di quota.
Dimensioni
Di medie dimensioni pesa circa 2,5 kg e raggiunge una lunghezza di circa 50 cm; la lunga coda misura fino a 60 cm. La differenza tra i sessi è evidente: il maschio scuro ha una colorazione nero- rossastra mentre la femmina, più chiara presenta un pelo bruno rossiccio con ventre più chiaro.
Abitudini
Diurno, è attivo soprattutto all’alba e al crepuscolo quando il rischio di cadere vittima di qualche predatore è più basso. Prevalentemente arboricolo, trascorre le ore centrali della giornata al riparo fra la vegetazione negli strati più alti della foresta dove vive in gruppi misti da 2 a 15 individui guidati dalla femmina dominante. Si mantiene in contatto con il gruppo attraverso un ampio repertorio di versi, ciascuno con un differente significato. È frequente osservarlo nell’attività di grooming (pulizia reciproca) che gioca un ruolo importante nel mantenimento dei legami sociali.
Riproduzione
Dopo una gestazione di circa 3 mesi, nasce generalmente un solo cucciolo. I giovani restano attaccati al ventre della madre per 3 settimane per poi spostarsi sulle sue spalle fino a 5 mesi di età, quando termina lo svezzamento.
Dieta
Si nutre soprattutto di frutti ma anche di foglie, fiori, nettare, funghi e occasionalmente invertebrati, soprattutto millepiedi. Come tutti gli animali frugivori, ha un ruolo fondamentale nella dispersione dei semi.
Lo sapevi che?
Il nome “lemure" deriva dalla parola latina lemures che significa "spiriti della notte" ed è legato ai grandi occhi e alle abitudini notturne di alcuni di questi primati.
Grado di minaccia
È minacciato dalla perdita e dalla degradazione dell'habitat, dalla caccia illegale per la carne e la pelle e dal bracconaggio per il commercio illegale degli animali da compagnia.

LEGENDA

  1. CITES. La specie è protetta dalla Convenzione di Washington – anche nota come CITES – che regolamenta il commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche. La CITES è un accordo tra oltre 160 governi che attraverso leggi internazionali e nazionali regolamenta, o addirittura vieta l’esportazione, l’importazione, la vendita e Ia detenzione di molte specie e loro derivati comi le pelli o l’avorio.
  2. EEP/ESB. La specie rientra in un programma di conservazione europeo coordinato dall’Associazione Europea Zoo e Acquari (EAZA), di cui il Bioparco è membro. L’EEP (Eaza Ex Situ species Programme) prevede diverse azioni tra cui la riproduzione in cattività per eventuali rilasci in natura, la sensibilizzazione del pubblico e la ricerca scientifica. L’European studbook (ESB) è un inventario che ha lo scopo di monitorare lo stato in cattività degli individui di una determinata specie e generalmente precede l’EEP.
  3. RED LIST IUCN. La specie è inserita nella Lista Rossa delle Specie Minacciate di estinzione redatta dalla IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura). Si tratta del più completo inventario che codifica il grado di minaccia delle specie a livello globale basato su un sistema di categorie e criteri quantitativi e scientificamente rigorosi.