Skip to content

Testuggine del muschio gigante

Famiglia:
KINOSTERNIDAE
Nome scientifico:
Staurotypus salvinii

Distribuzione e habitat:

Centro America; vive in ambienti acquatici a lento scorrimento tra cui fiumi, laghi, paludi e anche canali di scarico agricoli ricchi di vegetazione.
Dimensioni
Il suo carapace, dalla caratteristica forma ovale, raggiunge i 25 cm di lunghezza.
Abitudini
Agile nuotatrice, trascorre la giornata in acqua nuotando o camminando sul fondo melmoso. Grazie alla posizione delle narici e degli occhi, situati in cima al muso, può respirare e vedere rimanendo in immersione.
Riproduzione
Depone circa 10 uova 2 o 3 volte l’anno che schiudono dopo un periodo variabile fra i 2 e i 7 mesi.
Dieta
Cattura prede, anche di grandi dimensioni, che poi lacera con la bocca dotata di un becco molto affilato. Si nutre soprattutto di insetti, altri invertebrati, piccoli pesci e anfibi.
Lo sapevi che?
La caratteristica carenatura sul carapace la rende particolarmente idrodinamica e veloce nel nuoto.
Grado di minaccia
Non è una specie minacciata.

LEGENDA

  1. CITES. La specie è protetta dalla Convenzione di Washington – anche nota come CITES – che regolamenta il commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche. La CITES è un accordo tra oltre 160 governi che attraverso leggi internazionali e nazionali regolamenta, o addirittura vieta l’esportazione, l’importazione, la vendita e Ia detenzione di molte specie e loro derivati comi le pelli o l’avorio.
  2. EEP/ESB. La specie rientra in un programma di conservazione europeo coordinato dall’Associazione Europea Zoo e Acquari (EAZA), di cui il Bioparco è membro. L’EEP (Eaza Ex Situ species Programme) prevede diverse azioni tra cui la riproduzione in cattività per eventuali rilasci in natura, la sensibilizzazione del pubblico e la ricerca scientifica. L’European studbook (ESB) è un inventario che ha lo scopo di monitorare lo stato in cattività degli individui di una determinata specie e generalmente precede l’EEP.
  3. RED LIST IUCN. La specie è inserita nella Lista Rossa delle Specie Minacciate di estinzione redatta dalla IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura). Si tratta del più completo inventario che codifica il grado di minaccia delle specie a livello globale basato su un sistema di categorie e criteri quantitativi e scientificamente rigorosi.