Skip to content

Tapiro sudamericano

Classe:
MAMMALIA
Ordine:
PERISSODACTYLA
Famiglia:
TAPIRIDAE
Nome scientifico:
Tapirus terrestris
Dove vive:
Tapiro sudamericano

Distribuzione e habitat:

Nelle aree tropicali e subtropicali del Sud America, a est delle Ande. Soprattutto nelle foreste pluviali di pianura, umide e con presenza di acqua.
Dimensioni
La lunghezza varia da 1.7 a 2 metri, l’altezza da 77 a 108 cm. Il maschio può pesare fino a 300 kg. Una delle caratteristiche distintive di questa specie è la presenza di una proboscide flessibile, formata dal labbro superiore e dal naso.
Abitudini
Prevalentemente notturno e solitario, è un buon nuotatore e trascorre gran parte del suo tempo in acqua, sia per sbarazzarsi dei parassiti della pelle, sia per proteggersi da predatori terrestri, come giaguari e puma.
Riproduzione
Dopo una gestazione di 13 mesi nasce un cucciolo con un caratteristico mantello mimetico marrone a strisce e macchie giallo-biancastre che diventa uniforme dopo il sesto mese di vita.
Dieta
Si nutre di foglie (soprattutto di piante acquatiche), arbusti, corteccia e frutti, che strappa con la proboscide prensile.
Lo sapevi che?
Esistono 4 specie di tapiro, di cui una vive in Asia sud-orientale e tre in Centro e Sud America.
Grado di minaccia
La deforestazione, la caccia e la competizione con il bestiame domestico hanno contribuito al declino e alla frammentazione delle popolazioni di questa specie.

LEGENDA

  1. CITES. La specie è protetta dalla Convenzione di Washington – anche nota come CITES – che regolamenta il commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche. La CITES è un accordo tra oltre 160 governi che attraverso leggi internazionali e nazionali regolamenta, o addirittura vieta l’esportazione, l’importazione, la vendita e Ia detenzione di molte specie e loro derivati comi le pelli o l’avorio.
  2. EEP/ESB. La specie rientra in un programma di conservazione europeo coordinato dall’Associazione Europea Zoo e Acquari (EAZA), di cui il Bioparco è membro. L’EEP (Eaza Ex Situ species Programme) prevede diverse azioni tra cui la riproduzione in cattività per eventuali rilasci in natura, la sensibilizzazione del pubblico e la ricerca scientifica. L’European studbook (ESB) è un inventario che ha lo scopo di monitorare lo stato in cattività degli individui di una determinata specie e generalmente precede l’EEP.
  3. RED LIST IUCN. La specie è inserita nella Lista Rossa delle Specie Minacciate di estinzione redatta dalla IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura). Si tratta del più completo inventario che codifica il grado di minaccia delle specie a livello globale basato su un sistema di categorie e criteri quantitativi e scientificamente rigorosi.